ICONA Facebook666666 ICONA Flickr666666 ICONA Youtube666666

La Rete Permanente Monitoraggio Termico e le Campagne di Misura al Vesuvio

Le attività di monitoraggio vulcanologico vengono svolte con una Rete Permanente di Telecamere Termiche e con campagne di misure con Termocamera Mobile e Termocoppia.

 

Rete Permanente di Telecamere Termiche 

Nell'area Vesuviana è operativa una stazione permanente per l'acquisizione d’immagini all’infrarosso termico ubicata sul bordo del cratere del Vesuvio (VES) e dotata di una Termocamera FLIR A655sc (640x480). Tale stazione inquadra il versante interno sud-occidentale del cratere del Vesuvio, che risulta interessato da una consistente anomalia termica e vengono acquisite n. 3 scene IR nel corso della notte (00:00; 02:00; 04:00).

VES TERMICA

 

 

Le Campagne periodiche - Monitoraggio Termico con Termocamera Mobile e Termocoppia 

I rilievi sono eseguiti mensilmente in condizioni di non irraggiamento solare (essenzialmente di notte), utilizzando una termocamera portatile FLIR T1020 ad alta risoluzione (1024 x 768 pixel). La termocoppia utilizzata è di tipo K, con errore strumentale di circa 0.1°C nell’intervallo 200÷1260 °C. Le misure ottenute con la termocamera sono confrontate, quando possibile, con quelle eseguite con termocoppia rigida.
I rilievi vengono eseguiti solamente con telecamera termica dai punti stazione SV1 e SV2a, e con l’ausilio di termocoppia rigida al punto stazione SV2b. Nell'immagine si può osservare il Cratere del Vesuvio, in giallo sono riportati i punti stazione dai quali vengono effettuati i rilievi con telecamera termica, in rosso quello nel quale vengono effettuati anche rilievi con termocoppia rigida. L’area in rosso (ASV2a) è quella ripresa dal punto stazione SV2a, mentre l’area in giallo (ASV1) è ripresa dal punto stazione SV1.

 

cratere vesuvio fig 1 1 1