Home Page Osservatorio Vesuviano
Home News In primo piano bollettino mensile CF Home
CAMPI FLEGREI

Durante il mese di dicembre 2019 non sono state osservate variazioni significative nella dinamica dei Campi Flegrei. Sono stati registrati 101 terremoti (Magnitudo massima=3.1); di questi, 73 eventi (pari al 72.27% del totale) hanno avuto una magnitudo minore di 1.0, 10 eventi (pari al 9.90%) una magnitudo compresa tra 1.0 e 2.0 e un solo evento una magnitudo maggiore di 3.0, a dimostrazione di un'attività sismica di energia contenuta. Il terremoto di Md=3.1 del 06/12 alle 00:17 UTC risulta, attualmente, l’evento di massima energia registrato ai Campi Flegrei a partire dalla ripresa di questa fase bradisismica iniziata nel 2005. Di 17 eventi non è stato possibile determinare la magnitudo a causa della bassa ampiezza del segnale non chiaramente distinguibile dal rumore di fondo. In totale sono stati localizzati 53 eventi (53% di quelli registrati) ubicati prevalentemente tra Pozzuoli e Solfatara-Pisciarelli e alcuni eventi localizzati anche all'esterno di questa area (Monte Gauro, Astroni-Agnano); le profondità non hanno superato i 3.0 km. Le deformazioni del suolo confermano una geometria radiale del sollevamento centrato nell'area di Pozzuoli con una velocità media di circa 0.7 cm/mese anche se tra la fine di novembre e gli inizi di dicembre è stato registrato un incremento con un sollevamento massimo di 1 cm. Il sollevamento registrato alla stazione GPS di Rione Terra (RITE) a partire da gennaio 2016 è di circa 31 cm. Le misure termografiche nelle aree monitorate mostrano andamenti della temperatura sostanzialmente stabili con una leggera tendenza alla diminuzione. I parametri geochimici confermano i trend in aumento già osservati in precedenza con una crescita della concentrazione del monossido di carbonio (CO) e del flusso di CO2 all'interno di oscillazioni con periodidicità annuale.