Home Page Osservatorio Vesuviano
Home Activities

Activities

Scientific Research

1944 Vesuvius eruptionThe Vesuvius Observatory carries out research in various fields of geophysics, geochemistry and volcanology. The main objectives are to develop an increasingly detailed understanding of the processes which generate volcanic eruptions, and a definition of the mechanisms governing the evolution of such phenomena. Research activity covers the monitoring of active volcanoes, the physics of volcanism, geochemistry of fluids, geodetics, seismology, seismotectonics, volcanology and petrology. To these ends, the Vesuvius Observatory collaborates with various Italian and foreign scientific institutes.

 

Elenco dei progetti copia

There are no translations available.

I progetti dell'Osservatorio Vesuviano

Autovalutazione rispetto ai 22 requisiti della verifica tecnica richiesti dal Decreto Ministeriale dell' 8 luglio 2005 "Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici" , in attuazione della legge 9 gennaio 2004 n. 4.

Requisito

Come è stato soddisfatto

1. Realizzare pagine e oggetti in esse contenuti con tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate, utilizzando le versioni più recenti disponibili quando sono supportate dai programmi utente. Utilizzare elementi ed attributi in modo conforme alle specifiche, rispettandone l'aspetto semantico.

Le tecnologie utilizzate sono XHTML 1.0 e CSS 2.0, conformi alla raccomandazione W3C. La validazione tramite i validatori del W3C per linguaggio di marcatura e fogli di stile da risultati positivi per tutti le pagine. Gli elementi di intestazione sono utilizzati rispettandone l'aspetto semantico.

2. Non è consentito l'uso dei frame nella realizzazione di nuovi siti.

Il sito non fa uso di frame.

3. Fornire una alternativa testuale equivalente per ogni oggetto non di testo presente in una pagina e garantire che quando il contenuto non testuale di un oggetto cambia dinamicamente vengano aggiornati anche i relativi contenuti equivalenti predisposti. L'alternativa testuale equivalente di un oggetto non testuale deve essere commisurata alla funzione esercitata dall'oggetto originale nello specifico contesto.

Per ogni oggetto non testuale è fornita un'alternativa testuale adeguata alla funzione che l'oggetto esercita nel contesto..

4. Garantire che tutti gli elementi informativi e tutte le funzionalità siano disponibili anche in assenza del particolare colore utilizzato per presentarli nella pagina.

I contenuti pubblicati rispondono al requisito. La funzione informativa non è mai affidata solo al colore.

5. Evitare oggetti e scritte lampeggianti o in movimento le cui frequenze di intermittenza possano provocare disturbi da epilessia fotosensibile, disturbi della concentrazione o che possano causare il malfunzionamento delle tecnologie assistive utilizzate. Qualora esigenze informative richiedano comunque il loro utilizzo, avvisare l'utente del possibile rischio prima di presentarli e predisporre metodi che consentano di evitare tali elementi.

Nel sito sono stati evitati ogetti e scritte lampeggianti o in movimento. In due applet che presentano dati sui terremoti della regione Campania e sull'evoluzione morfologica del Vesuvio sono presenti delle animazioni necessarie a rappresentare i contenuti. Tali animazioni hanno frequenze basse e non possono provocare disturbi da epilessia fotosenbile o disturbi della concentrazione.

6. Garantire che siano sempre distinguibili il contenuto informativo (foreground) e lo sfondo (background), ricorrendo a un sufficiente contrasto (nel caso del testo) o a differenti livelli sonori (in caso di parlato con sottofondo musicale). Un testo in forma di immagine in genere è da evitare ma, se non è possibile farne a meno, deve essere realizzato con gli stessi criteri di distinguibilità indicati in precedenza.

Il testo ha un sufficiente contrasto con lo sfondo. Non sono presenti nel sito contenuti sonori, nè vi sono testi in forma di immagine.

7. Utilizzare mappe immagine sensibili di tipo lato client piuttosto che lato server, eccetto nel caso in cui le zone sensibili non possano essere definite con una delle forme geometriche predefinite indicate nella DTD adottata.

Nel sito è utilizzata una mappa immagine lato client conforme ai requisiti di accessibilità.

8. Se vengono utilizzate mappe immagine lato server, fornire i collegamenti di testo alternativi necessari per poter ottenere tutte le informazioni o i servizi raggiungibili interagendo direttamente con la mappa.

Nel sito non sono utilizzate mappe immagini lato server.

9. Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti dalla DTD adottata per descrivere i contenuti e identificare le intestazioni di righe e colonne.

Il sito soddisfa questo requisito.

10. Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti nella DTD adottata per associare le celle di dati e le celle di intestazione che hanno due o più livelli logici di intestazione di righe o colonne.

Nel sito non sono presenti tabelle con due o più livelli logici di intestazione di righe o colonne.

11. Usare i fogli di stile per controllare la presentazione dei contenuti e organizzare le pagine in modo che possano essere lette anche quando i fogli di stile siano disabilitati o non supportati.

Il sito soddisfa questo requisito. Sono utilizzati i fogli di stile per controllare la presentazione dei contenuti e i documenti sono strutturati in modo da poter essere letti agevolmente anche quando i fogli di stile sono disabilitati.

12. La presentazione e i contenuti testuali di una pagina devono potersi adattare alle dimensioni della finestra del browser utilizzato dall'utente senza sovrapposizione degli oggetti presenti o perdita di informazioni tali da rendere incomprensibile il contenuto, anche in caso di ridimensionamento, ingrandimento o riduzione dell'area di visualizzazione e/o dei caratteri rispetto ai valori predefiniti di tali parametri.

Il sito soddisfa questo requisito.

13. Qualora si utilizzino le tabelle a scopo di impaginazione: [... continua ...]

Nel sito non ci sono tabelle usate a scopo di impaginazione.

14. Nei moduli (form), associare in maniera esplicita le etichette ai rispettivi controlli, posizionandole in modo che per chi utilizza le tecnologie assistive la compilazione dei campi sia agevolata.

Nei contenuti attualmente in linea non sono presenti moduli (form).

15. Assicurarsi che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati.

Il sito soddisfa questo requisito.

16. Garantire che i gestori di eventi che attivano script, applet oppure altri oggetti di programmazione o che possiedono una propria specifica interfaccia, siano indipendenti da uno specifico dispositivo di input.

Il sito soddisfa questo requisito.

17. Garantire che le funzionalità e le informazioni veicolate per mezzo di oggetti di programmazione, oggetti che utilizzino tecnologie non definite da grammatiche formali pubblicate, script e applet siano direttamente accessibili.

Questo requisito è stato soddisfatto fornendo un'adeguata descrizione testuale delle funzionalità e dei dati presentati dalle due applicazioni realizzate con applet java presenti sul sito.

18. Qualora un filmato o una presentazione multimediale siano indispensabili per la completezza dell'informazione fornita o del servizio erogato, predisporre una alternativa testuale equivalente sincronizzata in forma di sotto-titolazione e/o di descrizione vocale, oppure predisporre un riassunto o una semplice etichetta per ciascun elemento video o multimediale, tenendo conto del livello di importanza e delle difficoltà di realizzazione nel caso di presentazioni in tempo reale.

Nel sito non sono presenti filmati o presentazioni multimediali

19. Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi anche se letti indipendentemente dal proprio contesto oppure associare ai collegamenti testi alternativi che possiedano analoghe caratteristiche esplicative. Prevedere meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine.

Il sito soddisfa questo requisito.

20. Se per la fruizione del servizio erogato in una pagina è previsto un intervallo di tempo predefinito entro il quale eseguire determinate azioni, è necessario avvisare esplicitamente l'utente, indicando il tempo massimo utile e fornendo eventuali alternative per fruire del servizio stesso.

Il sito non contiene pagine che erogano un servizio per cui è previsto un intervallo di tempo predefinito entro il quale eseguire determinate azioni.

21. I collegamenti presenti in una pagina devono essere selezionabili e attivabili tramite comandi da tastiera, tecnologia in emulazione di tastiera o tramite sistemi di puntamento diversi dal mouse.

Il sito soddisfa questo requisito.

22. In sede di prima applicazione, per i siti esistenti, in ogni pagina che non possa essere ricondotta al rispetto dei presenti requisiti, fornire un collegamento a una pagina che li rispetti, contenga informazioni e funzionalità equivalenti e sia aggiornata con la stessa frequenza della pagina originale, evitando la creazione di pagine di solo testo. Il collegamento alla pagina accessibile deve essere proposto in modo evidente all'inizio della pagina non accessibile.

Il sito rispetta i suddetti requisiti pertanto non si rende necessario l'uso di pagine alternative.

 

24 hour surveillance

The monitoring roomThere is a shift system to ensure that two staff members are always on duty at the Vesuvius Observatory. These operators are responsible for checking seismic developments of the Campania volcanic areas (Vesuvius, Campi Flegrei and Ischia) and for communicating to the authorities any significant phenomena observed by the seismic monitoring system, under permanent observation.
The Civil Protection Body are immediately informed of the location and the Magnitude (Md) of any potentially perceptible earthquake. In the Vesuvius area, this means information concerning earthquake with a Md of 2.5 and above, and in the Phlegrean area, with a Md of 2 or higher.
The seismic monitoring system used for the shift system is based on a permanent seismic network (Italian only), consisting of several stations throughout the area which continually transmit data to the central point, via radio or via dedicated telephone lines. In the Vesuvius Observatory monitoring room the signals appear on monitors (rather than the traditional mode, on paper,) thanks to an innovative processing system, called SISMI, and hence the traces appear on the web. This system, which has been developed by our staff, has an automatic alarm system which sends messages to mobile phones in case of seismic event or malfunction of any component(s).

 

Elenco dei progetti

There are no translations available.

I progetti dell'Osservatorio Vesuviano

 

Progetto

Responsabile o referente per l'Osservatorio Vesuviano

1. Progetto 1

Resp 1

2. Progetto 2

Resp 2

...


22. Progetto 22

Resp 22

 

Monitoring

Small satellite image of the neapolitan volcanic areaThe work of the Vesuvius Observatory includes the monitoring of Vesuvius, the Campi Flegrei (Flegrean Fields), Stromboli and Ischia. These volcanoes, particularly Vesuvius and the Campi Flegrei are renowned throughout the world as being high risk areas, because of their eruptive type, which is predominantly explosive, and their close proximity to extensive urban areas. The observatory employs instrument networks to enable monitoring of these areas from a seismological, geochemical and geodetic perspective. As specified in the Civil Protection Emergency Plan for Mt. Vesuvius and the Flegrean area, this body along with other organisations involved in the management of emergency situations, make use of information supplied by the Vesuvius Observatory to define the level of alert, and to activate the planned procedures in the case of a possible emergency in the volcanic areas of Campania.

 

Educational activities

Students visiting the monitoring roomThe Vesuvius Observatory is involved in teaching activities and science through a variety of projects with different types of schools. Most training activities take place on the original site, on Mt. Vesuvius, where there is a permanent exhibition. Expert guides take the visitors through educational tours in volcanology and geophysics, and demonstrate the collection of geophysics instruments and the rock collection from Vesuvius' most recent eruptions, built up in the Observatory in the course of over 150 years of scientific research. The exhibition is open to the public and is regularly visited by school groups and cultural associations from all over Italy. Italian and foreign university groups can also visit the monitoring centre in 328 via Diocleziano Napoli, on request to the director of the Vesuvius Observatory. As there are no staff specifically designated to guide visitors, permission is granted depending on the availability of research staff, and their work commitments.

Valid XHTML 1.0 Strict