Home Page Osservatorio Vesuviano
Home News

News

There are no translations available.

Mercalli al suor Orsola Benincasa

Locandina I Luoghi di Mercalli

Dal 7 all'11 aprile presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, nell'ambito dell'Anno Mercalliano, si svolgerà una manifestazione commemorativa su Giuseppe Mercalli illustre e popolare scienziato, insegnante presso il suor Orsola dal 1892 al 1900. La manifestazione inizierà il giorno 7 alle 10:30 (aula Villani) con interventi sulla vita e sull'attività didattica di Mercalli nonchè sulle ricerche scientifiche all'Osservatorio Vesuviano, di cui è stato direttore dal 1911 alla sua morte. Accompagnerà la manifestazione una mostra in cui sono esposti documenti e oggetti dello scienziato, che durerà fino al giorno 11.

Scarica la locandina dell'evento.


 
There are no translations available.

Il 18 marzo 2014 a Napoli, presso l'Accademia di Scienze Fisiche e Matematiche, Via Mezzocannone 8, alle ore 9:30 "Vesuvio 18 marzo 2014"

Ultima eruzione del Vesuvio - 1944

Manifestazione in occasione del 70° anniversario dell'ultima eruzione del Vesuvio e il 100° anniversario della scomparsa di Giuseppe Mercalli. L’evento, organizzato dall'Accademia di Scienze Fisiche e Matematiche in Napoli in collaborazione con l'Osservatorio Vesuviano-INGV, si terrà martedì mattina 18 marzo, ore 9:30, nella sede dell’Accademia, Via Mezzocannone 8, Napoli.
Relatori: Giuseppe Luongo (Emerito Università di Napoli “FedericoII”), Pietro Redondi (Università Bicocca di Milano), Elena Cubellis (INGV-Osservatorio Vesuviano), Aldo Marturano (INGV-Osservatorio Vesuviano), Paolo Gasparini (Emerito Università di Napoli “Federico II”), Marcello Martini (INGV-Osservatorio Vesuviano), Giuseppe De Natale (Direttore Osservatorio Vesuviano – INGV).

Scarica l'invito dell'evento.


 
There are no translations available.

Il 19 Marzo a Napoli, presso Convitto Vittorio Emanuele II, sito in Piazza Dante, "I Luoghi di Mercalli"

Il 19 Marzo la Manifestazione "I Luoghi di Mercalli" inaugura l'Anno Mercalliano dell'INGV, che prevede una serie di Manifestazioni celebrative dei cento anni dalla scomparsa di Giuseppe Mercalli, illustre Professore e Scienziato, Direttore dell'Osservatorio Vesuviano dal 1911 al 1914, anno della sua scomparsa.

Brochure

"I Luoghi di Mercalli" vuole celebrare il centenario della scomparsa negli luoghi che lo scienziato frequentava a Napoli. Mercalli è stato per molti anni Professore al Liceo Vittorio Emanuele II, sito tra Piazza Dante e Via San Sebastiano, ed abitava a poca distanza, in Via della Sapienza 23. Il Liceo è oggi suddiviso in due Istituti: il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II, dove si terrà la Conferenza di apertura, nella Sala Teatro, ed il Liceo Classico Vittorio Emanuele II, che ospita il Museo di Scienze Naturali intitolato a G. Mercalli ed il Museo di Fisica. La giornata si chiuderà con una visita al Conservatorio S. Pietro a Maiella, nel quale sarà organizzato un concerto di pianoforte.

Scarica qui il materiale divulgativo dell'evento.


 
There are no translations available.

AVVISO del 21/02/2014

Negli ultimi giorni si è diffuso, per l'ennesima volta, un allarmismo ingiustificato sullo stato del Vesuvio. Tale allarme deriva, a nostra conoscenza e per quanto riferito dalle persone che ci contattano, da due fonti: la prima è una ricostruzione giornalistica, sembra a firma di un ricercatore americano e che viene riportata ogni volta che si diffondono voci allarmistiche sui nostri vulcani, dei dettagli catastrofici di un'eruzione pliniana del Vesuvio; la seconda sarebbe una errata interpretazione del fatto che, essendo stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la nuova legge sui piani di emergenza Vesuvio, essa diventerà operativa entro 45 giorni. Questo fatto sarebbe stato erroneamente interpretato nel senso che 'fra 45 giorni diventerebbe operativa (ossia inizierebbe) l'evacuazione'. Questa errata ed assurda interpretazione, che sembra stia ricorrendo sul web tramite i 'social network' è, ribadiamo, assolutamente falsa. Nel contempo, ribadiamo ancora una volta che l'attuale stato del Vesuvio è lo stesso che persiste dal 1944 ad oggi, ossia di quiescenza. Non c'è alcuna evidenza di attività anomala che potrebbe indicare una ripresa imminente di attività; anzi, l'attuale sismicità di fondo, che è assolutamente normale su ogni vulcano ed è normalmente registrata al Vesuvio dal 1944 ad oggi, è notevolmente più bassa che nel passato. Quindi, per quanto possa essere spaventosa una ricostruzione giornalistica (o cinematografica) di un'eruzione catastrofica, bisogna comprendere la differenza tra 'possibile', 'probabile' ed 'imminente'. Eruzioni estremamente violente del Vesuvio (come di ogni vulcano esplosivo) sono certamente 'possibili', ma non sono 'probabili' (nel senso che per fortuna sono eventi rari), nè sono tantomeno, assolutamente, 'imminenti'.

a cura del Direttore Giuseppe De Natale


 
There are no translations available.

AVVISO del 13/02/2014

Tra ieri ed oggi sono arrivate molte segnalazioni di persone allarmate dai tre piccoli terremoti avvenuti recentemente al Vesuvio. In particolare, su alcuni siti web sono apparse discussioni sul perché sia ancora apposta a fianco di tali eventi la scritta ‘preliminare’ anziché ‘supervisionato’. Innanzitutto, voglio ricordare che il Vesuvio ha normalmente una notevole sismicità di fondo, che non desta alcuna preoccupazione in quanto è stata sempre osservata, da quando esistono i sismografi. Il numero medio di piccoli terremoti al Vesuvio, negli ultimi decenni, è di qualche centinaio all’anno, ma in alcuni periodi (es: 1999-2000) il tasso di sismicità è stato molto più alto: alcune migliaia all’anno. Le magnitudo sono comunque molto basse: la più alta si registrò nel 1999 (M=3.7). I piccoli terremoti registrati negli ultimi giorni sono di magnitudo molto bassa, cosiddetti ‘strumentali’ perché in generale non avvertibili dalla popolazione (tranne magari persone particolarmente sensibili molto vicine all’epicentro, a piani molto alti) e registrabili soltanto dai sismografi. Inoltre, faccio presente che la scritta ‘preliminare’ si riferisce esclusivamente al fatto che l’evento non è ancora stato inserito in un determinato data-base interno, ma non ha affatto un significato tipo ‘incompleto’, ‘non analizzato’ o cose del genere. Infatti, i terremoti in questione sono stati regolarmente analizzati e localizzati dagli operatori dell’Osservatorio Vesuviano; non sono presenti nel catalogo degli ultimi terremoti sul sito www.ingv.it in quanto hanno magnitudo inferiore a quella minima riportata (magnitudo di soglia 2.0). Infine, voglio sottolineare che l’Osservatorio Vesuviano – INGV riporta sul suo sito i segnali in tempo reale delle reti sismiche vulcaniche ed appenniniche come servizio alla popolazione, per la massima trasparenza e condivisione. Tale scelta, volontaria, dimostra che non c’è alcuna intenzione di nascondere tali fenomeni naturali alla popolazione, anzi essi vengono condivisi fin dal primo momento. Pertanto, essa deve essere percepita in termini di grande sicurezza e fiducia, e non può e non deve divenire fonte di ansie.

a cura del Direttore Giuseppe De Natale


 
There are no translations available.

AVVISO del 04/01/2014

In questi giorni circolano su vari siti web, ed anche tramite Facebook, notizie allarmistiche circa lo stato del Vesuvio.Tali notizie sono assolutamente prive di ogni fondamento: sono un collage di frammenti di notizie datate, spesso distorte, e messe insieme per costruire una pseudo-storia assolutamente inventata. Lo stato del Vesuvio è più o meno costantemente lo stesso dal 1944 (ossia quiescente), ed il vulcano non dà alcun segnale che potrebbe far pensare ad una imminente ripresa di attività eruttiva.

a cura del Direttore Giuseppe De Natale


 
There are no translations available.

Evento sismico con M=4.9 nell’Appennino Campano alle ore 18:08 del 29 dicembre 2013

sismogramma Evento sismico avvenuto nell’Appennino Campano, alle ore 18:08’ (ora locale), con magnitudo M=4.9, a 10.5 km di profondità. L’evento è stato localizzato nel Matese; i paesi più vicini, secondo la prima localizzazione, sono: San Potito Sannitico, Castello del Matese, Piedimonte Matese, San Gregorio Matese, Cusano Mutri.


 
There are no translations available.

CAMPI FLEGREI Tra STORIA, MARE, AMBIENTE e NATURA

Sabato 21 dicembre 2013 dalle ore 9,00 alle 14,00, si terrà una manifestazione dal titolo: "CAMPI FLEGREI Tra STORIA, MARE, AMBIENTE e NATURA" in PORTA DEL PARCO, via Diocleziano 341/343, Napoli.

Vai alla Locandina della manifestazione.


 
There are no translations available.

In occasione del 382esimo anniversario dell'eruzione del 1631,

il 16 dicembre si terrà un convegno dal tema: "16 dicembre 1631, la grande eruzione. 2013: oggi San Gennaro basta?"

Invito

L'incontro, nell'ambito della mostra "Fuoco e Passsione", si terrà alle ore 16:30 nell'Appartamento storico del Domenichino (interno del Museo del Tesoro di San Gennaro), in via Duomo 149.

 
There are no translations available.

Dal 15 novembre 2013 al 28 febbraio 2014 a Napoli, presso il Museo del Tesoro di San Gennaro, Via Duomo 149, "Fuoco e Passione"

Il Vesuvio e San Gennaro, le due anime di Napoli

Locandina

La nascita del culto di San Gennaro e il suo magnifico Tesoro, lo Sterminator Vesevo, l'attivitá dell'Osservatorio Vesuviano, nato nel 1841 per studiare e sorvegliare il vulcano. Le due anime di Napoli in un percorso museale tra Scienza, Arte, Tecnologia, Fede e Storia, nel continuo mutare del rapporto con il vulcano in relazione alle nuove conoscenze scientifiche.

L'itinerario espositivo é un intreccio tra la descrizione dell'attivitá dell'istituzione che si occupa dello studio e della sorveglianza del vulcano sin dal 1841 e l'antico culto per San Gennaro, eletto patrono di Napoli a protezione dalle catastrofi naturali. Nel percorso si fondono scienza, arte, tecnologia, storia e fede della cittá e del territorio, in un continuo mutare del rapporto con il vulcano parallelamente al progredire delle conoscenze scientifiche e tecnologiche.

L'evento si terrà presso il Museo del Tesoro di San Gennaro, via Duomo 149 - Napoli

Orari:
Apertura ore 9,00 chiusura ore 17,00
Giovedì chiusura ore 14,30
Mercoledi e Giovedì pomeriggio riposo settimanale


 
There are no translations available.

Riapertura Città della Scienza

Locandina riapertura

”Dalle cinque del pomeriggio a mezzanotte, giovedì 7 novembre 2013 Città della Scienza sarà la location di una grande festa di scienza e divertimento per celebrare la riapertura degli spazi espositivi sul mare e, contemporaneamente, l’inaugurazione della XXVII edizione di Futuro Remoto.”

Tra i vari incontri e laboratori previsti, a cura dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano Giuseppe De Natale, Giuliana Alessio, Rosa Nappi, Maddalena De Lucia presenteranno le seguenti attività di laboratorio:

  • Laboratorio Vulcani sottosopra: eruzioni ed esplosioni nei dintorni ed oltreoceano.
  • Laboratorio Terremoti e faglie attive della Campania: conoscere la geologia del terremoto.

Vai alla pagina di Città della Scienza.


 
There are no translations available.

Martedì 2 luglio 2013 - Riapertura del bando per la formazione di quattro short-list di esperti per l’affidamento di incarichi di docenza per il Corso di Alta Formazione del PON VULCAMED presso le sedi di NAPOLI e CATANIA

Logo Vulcamed Si comunica che in data odierna è stato pubblicato l'avviso per la RIAPERTURA del bando per la formazione di quattro short-list di esperti per l’affidamento di incarichi di docenza per il Corso di Alta Formazione del PON VULCAMED dal titolo "La ricerca geofisica e vulcanologica per il monitoraggio dei rischi naturali e ambientali e per la tutela e la fruizione delle risorse del territorio", da svolgersi presso le sedi di NAPOLI e CATANIA.

L'avviso è rivolto a Professori Ordinari e Associati, Dirigenti di Ricerca e Tecnologi, Primi ricercatori e Primi tecnologi, Ricercatori universitari, Ricercatori e Tecnologi, di enti di ricerca esterni all'INGV, per i settori: A. Geofisica, Geodesia e Sismologia; B. Geochimica e Vulcanologia; C. Tecnologie per le Scienze della Terra e D. Gestione della ricerca nelle Scienze della Terra.

Periodo delle lezioni fino a Giugno 2014.

Le domande dovranno pervenire alla Segreteria della Direzione dell’Osservatorio Vesuviano – Via Diocleziano n. 328, 80124 Napoli entro e non oltre il 120° giorno successivo a quello di pubblicazione del presente avviso (invio con raccomandata a/r o presentazione all'Ufficio Protocollo).

Scarica: Avviso riapertura short list (prot.546 del 2.7.2013), Avviso (decreto n.10/2013), Schema della domanda, Programma del corso.

Nota: Questo bando non è diretto al personale in servizio presso l'INGV. Vedi decreto di rettifica del 05.06.2013.
 
There are no translations available.

Pubblicazione del Decreto per la Costituzione della classe del corso di Alta Formazione VULCAMED per la sede di CATANIA

Logo Vulcamed Si comunica che è stato pubblicato il decreto per la costituzione della classe per il Corso di Alta Formazione dal titolo "La ricerca geofisica e vulcanologica per il monitoraggio dei rischi naturali e ambientali e per la tutela e la fruizione delle risorse del territorio", della durata di 14 mesi, realizzato nell'ambito del progetto PON VULCAMED per la sede di Catania.

Inizio corso: Lunedì 10 Giugno 2013 alle ore 14:00 presso la sede dell'Osservatorio Etneo INGV, piazza Roma 2, Catania.

Scarica: Decreto n.97/2013


 
There are no translations available.

Pubblicazione del Decreto per la Costituzione della classe del corso di Alta Formazione VULCAMED per la sede di NAPOLI

Logo Vulcamed Si comunica che è stato pubblicato il decreto per la costituzione della classe per il Corso di Alta Formazione dal titolo "La ricerca geofisica e vulcanologica per il monitoraggio dei rischi naturali e ambientali e per la tutela e la fruizione delle risorse del territorio", della durata di 14 mesi, realizzato nell'ambito del progetto PON VULCAMED per la sede di Napoli.

Inizio corso: Mercoledì 5 Giugno 2013 ore 8:30 presso la sede dell'Osservatorio Vesuviano INGV di Napoli, Via Diocleziano 328, Napoli

Scarica: Decreto n.96/2013


 
Page 1 of 5