Home Page Osservatorio Vesuviano

Eventi di Interesse

Evoluzione morfologica del Vesuvio

There are no translations available.

La seguente applicazione è realizzata con un "applet java" pertanto non è consultabile dagli utenti il cui bowser non gestisce questa tecnologia.
L'applicazione visualizza l'evoluzione della forma dell'edificio vulcanico dal 1630 al 1944, quando si è verificata l'ultima eruzione del Vesuvio. In questo periodo la frequente attività eruttiva ha causato alternativamente la distruzione di parte dell'edificio, come in occasione della violenta eruzione del 1631, e la sua ricostruzione, come in numerose eruzioni successive a detto evento.

Dopo l'ultma eruzione (1944) la forma del Vesuvio non ha subito significative variazioni.

Attenzione: il browser non gestisce java!

Presso l'Osservatorio Vesuviano dell'INGV è stata svolta una ricerca finalizzata al reperimento di tutte le fonti storiche e iconografiche riguardanti l'attività eruttiva del Vesuvio a partire dal I secolo d.C. ai giorni nostri (DVD G. P. Ricciardi - Vesuvio: tu vuoi che io ti narri. INGV 2005). I risultati di questa ricerca hanno consentito di ricostruire l'evoluzione morfologica del Vesuvio durante l'ultimo ciclo eruttivo (1631-1944) e di costruire un' animazione inserita nel DVD di G.P. Ricciardi (2005). Allo scopo di rendere fruibile e di facile ed immediata consultazione i risultati di questa ricostruzione è stata realizzata l'applicazione web SlideVes. Questa applicazione permettere di scorrere in successione cronologica le immagini che rappresentano la forma del vulcano nei momenti che precedono o seguono le maggiori eruzioni nell'arco temporale tra il 1630 e il 1944, in modo da evidenziare gli effetti dovuti ad ogni singolo evento eruttivo. L'applicazione consente, inoltre, di selezionare un'immagine relativa ad un singolo periodo e di procedere a visionare, a richiesta, le immagini relative alle fasi di evoluzione morfologica successive o precedenti. Per meglio evidenziare la relazione esistente tra le modificazioni morfologiche subite dal vulcano e la sua attività eruttiva nel rapporto è stata inserita una tabella dettagliata che riassume le notizie su tutte le eruzioni del Vesuvio avvenute nel periodo storico e riporta le numerose fonti disponibili sull'argomento, alcune delle quali sono testi rari di proprietà dell'Osservatorio Vesuviano (INGV).

 

Applet Eqwiever per la visualizzazione delle localizzazioni

There are no translations available.

La seguente applicazione è realizzata con un "applet java" pertanto non è consultabile dagli utenti il cui bowser non gestisce questa tecnologia.
L'applicazione visualizza i terremoti recenti rilevati dalla rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano. La maggior parte di questi terremoti sono piccoli eventi sismici non avvertiti dalla popolazione. I triangoli viola riportati sulla mappa rappresentano le stazioni sismiche della rete.

Aggiornato al 30 Settembre 2010

Il tuo browser non visualizza le applet Java

I tasti in alto a sinistra permettono di selezionare mappe differenti. Nella lista a destra è riportato l'elenco dei terremoti, con l'indicazione del tempo origine e della magnitudo durata (Md) (la sigla "Nd" indica che la magnitudo non è stimata). Al di sopra della lista è indicato il numero di eventi compresi nell'elenco ed il numero di eventi selezionati.

Sono previste quattro modalità di selezione: ultimo evento; evento singolo; tutti gli eventi; più eventi.

La modalità ultimo evento è il default e permette la visualizzazione del terremoto più recente relativo a ciascuna area. Selezionando un terremoto dalla lista si passa automaticamente alla modalità evento singolo. L'evento selezionato, se è contenuto nella mappa, rimane visualizzato spostandosi da un'area all'altra. La modalità ultimo evento può essere ripristinata selezionando il tasto "Ultimo".

Il tasto "Tutti" permette la visualizzazione di tutti i terremoti presenti nella lista corrente. La pressione su questo tasto imposta automaticamente la modalità di selezione più eventi. In questa modalità è possibile effettuare una selezione multipla personalizzata degli eventi presenti nella lista corrente. La distribuzione temporale dei terremoti è rappresentata associando ad ogni simbolo che indica un epicento un diverso colore, secondo la scala cromatica riportata a destra della lista.

Il tasto "Cancella" deseleziona tutti gli eventi e li cancella dalle mappe.

Alla base della lista sono presenti due caselle che permettono di impostare in qualsiasi momento la modalità "evento singolo" o la modalità "più eventi".

E' possibile conoscere le coordinate geografiche e le coordinate UTM di ciascun punto di un'area spostandosi con il puntatore del mouse sulla mappa. Il tasto "Info", che permetteva di inviare una e-mail agli autori è attualmente disabilitato.

Per informazioni sull'applet si può scrivere a This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it o a This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it .